SCONTI FINO AL 26 MAGGIO - TRASPORTO GRATUITO - ASSISTENZA CLIENTI
103 shopping cart
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

Prosecco DOC Rosé, un vino per le occasioni speciali

Prosecco Rosé è un vino piuttosto recente rispetto agli altri Spumanti della stessa famiglia. In poco tempo, ha saputo incantare i palati, grazie alle sue proprietà organolettiche e alle tipiche note olfattive.

Oltre a ciò, questo vino rosé si distingue anche per le sue origini e il particolare metodo di produzione: è uno Spumante che nasce dall’unione di due vini molto diversi tra loro, che creano insieme un connubio perfetto.

L’origine del Prosecco Rosé DOC

Il Prosecco DOC Rosé è uno Spumante romantico, nato dalla perfetta unione di due diverse varietà d’uva: un vitigno a bacca bianca, la Glera, ne accoglie uno con un’autentica bacca rossa, il Pinot Nero. Due tipologie differenti per natura, colori e aromi, che si attraggono e completano, sposandosi perfettamente tra loro.

Come viene prodotto il Prosecco DOC Rosé

Il Pinot Nero viene vendemmiato verso la fine del mese di agosto mentre l’uva Glera raggiunge la sua maturazione intorno alla seconda metà di settembre.

Solamente dopo aver vinificato separatamente le uve e aver ottenuto i vini base, questi si incontrano. Vengono assemblati per far nascere il Prosecco DOC Rosé firmato Soligo.

Alla Glera, regina delle nostre bollicine, si lega il Pinot Nero, in una percentuale del 10%, mantenendo così inalterata la sua freschezza, arricchita però dalla struttura e dal colore del Pinot Nero. Il colore rosato si ottiene lasciando macerare le bucce scure sul mosto d’uva per dieci giorni, regalando così al vino quella delicata e romantica nuance rosa tenue, luminosa e brillante, caratteristica di questo vino rosé.

Prosecco DOC Rosé: caratteristiche e abbinamenti

Nel calice le bollicine danzano eleganti, lente e ordinate grazie ad una presa di spuma di almeno 60 giorni ed esaltano gli aromi olfattivi portandoli in superficie. Si possono riconoscere note fruttate di pesca bianca e frutti di bosco, ma anche floreali di glicine, rosa e violetta. Si distingue un leggero ricordo di crosta di pane, conferito dalla sosta di 60 giorni sui lieviti.

Il sorso stupisce per l’armonia: Glera e Pinot Nero si fondono in un’unione di delicatezza e potenza, di freschezza e struttura, regalando in chiusura gustosi ricordi di frutta. È sicuramente per le uniche caratteristiche che lo denotano che questo vino rosé, seppur di giovane età, ha già vinto numerosi premi, che ne attestano la qualità e la bontà.

Abbinamenti per degustare il Prosecco Rosé 

Sono diverse le occasioni durante le quali servire il Prosecco DOC Rosé Treviso Brut, grazie alle sue numerose peculiarità. Si abbina egregiamente ai primi piatti a base di pesce, al salmone in crosta e alle carni bianche. Anche servito in accompagnamento alla cucina etnica saprà stupire, ma la sua migliore presentazione la farà indubbiamente al momento dell’aperitivo.

Proprio per questa sua estrema versatilità è già molto amato e richiesto. Sta tingendo i calici di molti Paesi. Qualsiasi sia l’occasione in cui verrà servito è importante però ricordare una cosa: è necessario stapparlo fresco, rendendo così ogni brindisi indimenticabile.

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla nostra newsletter
Resta aggiornato con noi

Odiamo lo spam. Solo informazioni utili su promozioni vantaggiose.

Pagamento sicuro

Che sia con carta di credito, Amazon Pay o PayPal.

Spedizioni veloci

Consegna garantita entro 2-3 giorni lavorativi dall'avvenuto pagamento. Su tutto il territorio italiano.

Assistenza clienti

servizioclienti@collisoligo.com